Senza titolo-1
chiesa normanna egadi marettimo
CHIESA NORMANNA 

facebook
twitter
youtube
pinterest
instagram
Chiesa Normanna
Marettimo è un insediamento che presenta varie fasi di vita,dal periodo romano tardo repubblicano fino al basso medioevo con una fase intermedia paleocristiana diuna certa rilevanza. infatti, nel luogo dove nel Isecolo a.C., sesto Pompeocostruì un faro militare nell’ambito della guerra civilecontro Ottaviano per ilcontrollo della Sicilia, in periodo tardo romano eprotobizantino (330-641) sorse un complesso ecclesiastico, conmolta probabilità un monastero,dotato di una chiesa e di un piccolo impiantoper la liturgia battesimale.Nel corso del V secolo l’area in cui sorge l’edificio militareviene rioccupata con una destinazione diversa, di natura religiosa, come sievince chiaramente tra l’altro dal diverso orientamento delle nuove strutture,condizionate questa volta da esigenze liturgiche. Elemento principale di questa fase d’occupazione del sito è unachiesa perfettamente orientata ad est, (dove sorge il sole, tipico delle chiesecristiane) a tre navate suddivise da pilastri con abside inscritta epriva dinartece (strutturatipica del cristianesimo, è uno spazio posto fra le navate e la facciataprincipale della chiesa, e ha la funzione di un corto atrio largo quanto la chiesastessa). tra il Xiii ed il XiV secolo, l’angolo NE della chiesaprotobizantina è statodistrutto da una grande buca di forma vagamente regolare, restasoltanto infondazione il muro perimetrale nord e lembi della pavimentazione incocciopesto. 
Alla seconda fase di questo edificio risale sicuramentel’inserimento dentro l’ambiente a sud dell’abside, a ridosso del muromeridionale, di un fonte battesimale ad immersione, scavato a livello del pianodi calpestio in un’area rialzata di circa 15 centimetri rispetto al pavimentodella stanza. Esso si presenta perfettamente orientato ad est; nella vasca, alsuo interno, èinscritto un cerchio, mentre il fondo è rettangolare; le superficiinterne sonointeramente rivestite di intonaco con tracce di decorazione dipintaa imitazione del marmo. Al fondo, pavimentato da una lastra di marmo proconnesio ( marmo bianco tra il più utilizzato nell'impero romano estratto nell’omonima isola oggichiamata di Marmara nel mare omonimo che separa l’Egeo dal Mar Nero) incorrispondenza dell’angolo ne si ritrova un piccolo foro per il deflussodell’acqua; non sembra che sia stato previsto un sistema di adduzionedell’acqua che probabilmente veniva versata manualmente; la sua posizioneall’interno dell’ambiente ed il suo orientamento ad est suggeriscono tuttaviaun uso funzionale al rito battesimale. L’edificio di culto non era isolato, ma era inglobato all’internodi un complesso di strutture di cui non sono ancora ben chiare la funzione e ledimensioni.
info@visitegadi.eu
 CoopIsola © 2015 
info@coopisola.it
Create a website